FOX è la numero uno !

Non smetterò mai di definire FANTASTICA la programmazione di Fox (tv satellitare presente nel bouquet di Sky in HD). Per motivi lavorativi limito la visione della tv alla sera dopo le 21 e al week end. Al 90%, la mia televisione, ormai da qualche mese, è sintonizzata su questo canale, che trasmette sia i miei due cartoni animati preferiti (I Simpson e La famiglia Griffin, con qualche leggero sorriso strappato anche da American Dad, ma non c’è paragone con i primi due), sia telefilm di grandissimo livello. Come ho già detto in qualche articolo precedente, la pubblicità non è assolutamente martellante, anzi, spesso spero che venga mandata in onda per fare un break di un certo livello intellettuale (cesso, prendere patatine e birrone gigante, vedere se per sbaglio mi è arrivata qualche email, ecc.).

Lunedì scorso ha debuttato “FlashForward”, un serial fantascientifico definito l’erede di “Lost” (che, probabilmente, rappresenta l’unica serie spettacolare che mi sono perso). Molto bello Flashforward, sembra quasi un film, cioè l’episodio ricco di azione e di effetti speciali, scorre via che è una meraviglia. Unica nota stonata è rappresentata dall’attore Joseph Fiennes che interpreta uno dei protagonisti principali (Mark Benford) e che vedo molto più adatto ad un contesto comico. Insomma ha una faccia da rincoglionito che non mi piace per niente.

Sempre di lunedì, alle 22, va in onda “Lie to me”, anche questo alla prima stagione. Qua siamo sul drammatico-psicologico, visto che la serie si inspira all’attività del noto scienzato Paul Ekman, il quale si occupa di studi del comportamento umano. All’inizio mi ha stancato un pò questo (peraltro ovvio) continuo riferirsi agli atteggiamenti del nostro corpo che ci sbugiardano clamorosamente (tipo “ha alzato la spalla, ciò vuol dire che sta mentendo”, “muove i piedi, è segno di nervosismo”, ecc.), ma adesso mi piace tantissimo. Magistrale l’interpretazione di Tim Roth.

Il martedì ho la serata libera, nel senso che non mi piace affatto Kyle XY, che vedo più adatto ad un pubblico molto giovane. E’ la serata che dedico alla mia amica Gilda, la quale si precipita puntualmente a casa mia per farmi il “servizietto”.

Il mercoledì c’è la Champions League (ovviamente su Sky Sport e rigorosamente in Alta Risoluzione, perchè bisogna coccolarsi nella vita e per farlo non bastano i servizietti…), ma anche la nuova serie de “La vita secondo Jim” (le vecchie puntate le vedete intorno alle 19.30 su Italia Uno), un telefilm che seguo da anni. Praticamente ho visto le figlie crescere e adesso sono diventate signorine e pensano già ai morosetti. Fortissimo Jim Belushi. Mi regala mezzoretta di grandi risate.

Il Giovedì è un casino. E’ l’unico giorno della settimana che mi ricordo che esiste quella cazzo di Rai per cui pago un cazzo di abbonamento (lo so che paghiamo per la trasmissione dei servizi radiotelevisivi ma mi sta sulle scatole ugualmente). C’è il grande Michele Santoro col suo Anno Zero, ma c’è anche DollHouse su Fox. E qui c’è da tirare un sospiro. Non per Michele, ovviamente, ma per l’attrice principale di Dollhouse, tal Eliza Dushku, che, secondo me, è la donna più bella del mondo. La Dollhouse è un posto segreto e illegale, dove i desideri diventano realtà. Qui si noleggiano i cosiddetti “attivi”, persone programmate da una speciale macchina per soddisfare pienamente i desideri di facoltosi clienti. Già a sentire la sigla iniziale ti ecciti quasi come se stesse iniziando un pornazzo. Misteri della tv… A completare l’intasamento del giovedì c’è l’appuntamento immancabile col Dottor House (canale 5). Cosa scelgo ? Taglio il teatrino della politica (di cui posso fare tranquillamente a meno, onestamente), aspetto le replice di Dollhouse (altra chicca regalata da Fox, cioè se ti perdi un episodio puoi rivederlo un altro giorno della settimana, ovviamente in orari diversi) e mi concedo a Gregory House, che amo quasi quanto un kebab (e ho detto tutto).

Il Venerdì è sempre Santo. Si lo so che Pasqua è una volta l’anno ma appena diventerò presidente del Consiglio, fra le tante leggi che emanerò, ci sarà quella che prevederà di considerare mezzo festivo il venerdì. Quindi o fai mezza giornata o il pomeriggio te lo pagano come straordinerio. Al di là di questa classica parentesi cazzeggistica, il quinto giorno della settimana adoro uscire (addirittura più del sabato), ma ci sarebbe (ovviamente su Fox), “Mental”. In questa serie, il protagonista è una sorta di House-psicologo (Jack Gallagher è molto più amato e soprattutto non è stronzo, ma adora andare controcorrente e per questo lo amo quasi quanto un kebab) (mi pare di averla già detta questa frase !). L’ambiente è quello di un ospedale psichiatrico ed è una serie che mi piace tantissimo anche perchè vedo quale sarà la mia futura residenza.

Il sabato si esce, si va in pizzeria o in discotega, anche se ci sarebbe l’anticipo della Serie A. La domenica, ovviamente, è dedicata al posticipo del campionato. Tutto ciò in attesa che ritorni uno dei miei telefilm superpreferiti, cioè “Criminal Minds”. Dove ? Ovviamente su Fox Crime !