DAL CANNOLO ALL'AMARONE

Home » L' élite » Nasce “Dal cannolo all’Amarone”.

Nasce “Dal cannolo all’Amarone”.

Ad un certo punto guardi la tua amata autovettura e pensi: quasi quasi è ora di cambiarla. Hai nuovamente speso qualche soldino per sistemarla ma poi capisci che non vale più la pena, che i chilometri percorsi sono tantissimi, che sicuramente dopo qualche mesetto capiterà un altro guasto e opti quindi per il cambiamento. Qualcuno penserà che questa è una delle mie tante metafore e che, parlando di auto, in realtà mi riferisco ai matrimoni, ma credetemi stavolta “metafora involontaria fù” (pregasi pronunciarlo in dialetto siculo).

Ho deciso di cambiare il nome del mio blog. Il “Pianeta Mobys” non esiste più (l’indirizzo resta uguale http://www.pianetamobys.com, anche perchè è un dominio che ho acquistato).

Ad un certo punto, dopo otto anni di blog, 124 articoli, 11.660 visualizzazioni e 4.500 visitatori, mi sono reso conto (saranno i capelli bianchi…) che la parola Pianeta non solo poteva rappresentare l’emblema dell’autorefenzialità e dell’egocentrismo, ma poteva altresì indurre il lettore a pensare “questo è il blog di Vincenzo Mobys, il dr.House de noialtri, colui che schifa talmente tanto la gente, da crearsi perfino un Pianeta tutto suo !”.

E’ paradossale che questo cambiamento potrebbe apparire come uno dei miei rari esempi di apertura verso il mondo, proprio nel momento di maggiore chiusura nei confronti del mondo stesso ! Insomma mando in soffitta il “Pianeta Mobys”, proprio nel momento in cui io stesso, nella vita reale, e non certo per cazzeggiare, ho deciso di limitare al massimo le mie apparizioni in società nonchè tutta una serie di buone creanze, per dirla alla Scheldon Cooper (insomma non aspettatevi i miei auguri di Buona Pasqua !). Ma non divaghiamo, almeno in questo post !

Ho trascorso decinaia e decinaia di giorni a pensare al nome da dare al mio blog, perchè è facile dire “cambio la macchina”, il problema semmai, schei a parte, è: quale macchina comprare ??

Ho fatto una classica short-list e alla fine ha prevalso “Dal cannolo all’Amarone”, per due semplicissimi motivi. In primo luogo perchè è indiscutibile che la mia vita sia stata condizionata, irrimediabilmente, dal passaggio da Palermo a Verona, quindi dalla patria dei cannoli (e di tante altre cose con 0,1% di grassi, nonchè prive di olio di palma) alla capitale dell’Amarone, uno dei vini italiani ad avere più successo al mondo. In secondo luogo, tale scelta è scaturita dalla mia volontà di far riferimento alla caratteristica più marcata di questo blog, ovvero la continua alternanza tra il dolce e l’amaro.

Il primo nome che mi venne in mente è stato proprio quello che ha rappresentato il motto del Pianeta Mobys per tanti anni, appunto “Il dolce e l’amaro”, ma purtroppo qualcuno ci ha già pensato. Idem per “Agrodolce” (ma questo era ovvio !). Altri nomi in ballo erano “Into the Veneto”, “Diario di un siculveneto” (ma io non sarò mai nè un siculo nè un veneto), “Da Mondello al Garda”, “Tra sogni e realtà” (ma ho scoperto che hanno fatto una minchia di trasmissione chiamata praticamente così !), “Parole di burro”, “Urlando contro il cielo” (ma sapeva tanto da adolescente-incazzoso-brufoloso-ormonoso-eccitatoso-segaioso) e, dulcis in fundo, quello che mi piaceva moltissimo era “Useless”, perchè legava il mio blog ad una delle mie canzoni superpreferite dei miei adorati Depeche Mode. Non sto qui a pubblicarvi la traduzione, vi dico solo che è davvero una canzone stupenda sotto tutti i punti di vista. Purtroppo anche in questo caso qualcuno è arrivato prima di me e “The Useless Blog” esiste già.

Adesso vi saluto. Visto che, evento più unico che raro, sono riuscito a non scrivere un lungo poema, e vista la portata rivoluzionaria della mia scelta (cavolo, detto così sembra vero !), volevo fare una cosa che non ho mai fatto in questi otto anni. Voglio ringraziare RedBavon, Vikibaum, Carla, Tiziano, Vincenza e Giuliana.

Nessuno ha l’obbligo di prendersi la briga di scrivere un commento, nè tantomeno di leggere le stronzate che scrivo. Voi siete fra le pochissime persone ad aver capito che, soprattutto Vincenzo (e solo dopo il Blog in sè), aveva bisogno del vostro “sostegno” per andare avanti. Non sto criticando chi non commenta mai (già leggermi è un’impresa, considerato cosa offre il web), sto solo dicendo che spesso dimentichiamo che l’indifferenza fa più male di un vaffanculo.


11 commenti

  1. vincenza63 ha detto:

    Vincenzo, alla conoscenza si può rimediare. Non credi? Il Veneto e la Lombardia confinano… Ah, ecco… sabato 22/4 o 29/4 probabilmente sarò a Padova per cose da sbrigare… 🙂

    Mi piace

  2. vincenzomobys ha detto:

    Grazie Vicky ! Oggi pensavo a quanto sia bello essere capiti più dalle persone che nemmeno conosci di presenza piuttosto che da coloro che magari ti conoscono da una vita. Miracoli da blogger 😀😀

    Liked by 1 persona

  3. vincenza63 ha detto:

    Una svista, alla mia età… 🙂
    Amico mio, anche a posteriori ti dico che il blog ha un nome bello, sei proprio tu, oltre ad essere dolce e amaro sei forte e fragile allo stesso modo. Il tuo blog ti “contiene” così come fanno la sfoglia del cannolo e il vetro della bottiglia. Mi piacciono i contenuti!
    A presto ❤

    Liked by 1 persona

  4. vincenzomobys ha detto:

    Certo !! Proprio te. Infatti mi dispiaceva che non te ne fossi accorta ! 😀😀

    Liked by 1 persona

  5. vincenza63 ha detto:

    Uèèèèèèèè sono io che stai ringraziando?
    Se è così… commento dopo conferma, per evitare una delle mie classiche figuracce!

    Liked by 1 persona

  6. vincenzomobys ha detto:

    Grazie del commento. Beh scrivere ciò che penso è una cosa che farò sempre, anche perché non riuscirei a fare diversamente. Mi piace l’idea di apparire più un blog “aperto” piuttosto che il diario personale di una persona. Ciao

    Mi piace

  7. Anonimo ha detto:

    A me “Pianeta Mobys” piaceva un sacco.
    Lo vedevo un po’ come: scrivo solo quello che penso…

    Liked by 1 persona

  8. redbavon ha detto:

    W il cannolo e l’amarone! Non ci crederai ma era il mio preferito. Ahimè la mia capoccia tende a dimenticare le cose in sospeso e la mia risposta via e-mail alla tua richiesta di consiglio è ormai obsoleta. Citato anche tra i supporter, ne sono lusingato, onorato e ringrazio sinceramente. Tu continua a scrivere come sai fare, come ti viene, come ti senti. Il cannolo siciliano è uno dei pochi dolci che mi piacciono e se mi metti davanti a un vassoio l’unica parola di questo logorroico è: “levatevi”. Ottima scelta!

    Liked by 1 persona

  9. CarlaNonnaPapera ha detto:

    Il tuo blog è sempre un’avventura da leggere, il cambio del nome è il segno che i tuoi pensieri si evolvono e (meno male, qualcosa come i comuni mortali) cambi anche tu idea, abiti, voglie, tendenze, ecc.
    Non mi sarei stupita neanche de “dall’Isola all’isolamento”…..
    Saluti a tutti.

    Liked by 1 persona

  10. stefitiz60 ha detto:

    …e perché non “dal pane e panelle alla peara’ ”? Ciao V.

    Mi piace

  11. gazanea ha detto:

    Ottima scelta, caro Mobys , cannoli e amarone sono semplicemente dei miti 😉

    Liked by 1 persona

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: