Quel Gohonzon che ti cambia la vita.

Per la prima volta, nella mia lunga carriera da blogger, sono stato molto combattuto sull’opportunità o meno di scrivere qualcosa, nello specifico l’esperienza di una persona che, da un momento all’altro, ha sposato la dottrina buddista.

Alla fine ho deciso di scrivere un articolo che tralascia la parte relativa al mero significato del buddismo (per questo vi consiglio l’ottimo blog: http://pantareinova.blogspot.it/), e si concentra esclusivamente sul racconto di una giornata vissuta dal sottoscritto. Chissà, forse un giorno dedicherò uno spazio a questa mia trasformazione.

In questo articolo, ripeto, voglio semplicemente raccontarvi cosa ho provato il 18 dicembre 2016, data in cui, come si suol dire, ho “preso il Gohonzon”.

Anche se ho detto che non voglio parlare di buddismo, mi sembra giusto quantomeno dirvi che il Gohonzon è l’oggetto di culto per coloro che praticano il buddismo di Nicherin Daishonin. Parliamo di una pergamena in carta di riso dove appaiono delle scritte in cinese. Si prega/recita davanti a esso per elevare la propria condizione vitale e manifestare la Buddità (o Illuminazione). Ciò detto molto in sintesi per il motivo di cui sopra.

23824568661084ae6ae50ad650c3c87aIl Gohonzon viene posizionato dentro il Butsudan, il quale non è altro che un mobiletto che va aperto quando bisogna recitare e richiuso quando si finisce. Il motivo è semplice: il tuo Gohonzon (che poi in realtà è di proprietà della Soka Gakkai Internazionale, www.sgi-italia.org/) deve durarti per tutta la vita, quindi bisogna custodirlo dentro al Butsudan con la massima cura. Quando si prende il Gohonzon ? adesso è molto più facile rispetto ad anni fa, quando bisognava fare dei corsi e dimostrare tutta una serie di cose Io ero convinto di poter fare questo passo molto più avanti nei mesi (mi sentivo ancora “poco buddista”) ma i miei compagni di fede, ovvero le persone del gruppo che frequento, mi hanno fatto capire che ero perfettamente in grado di compiere questo passo. E’ strana quanto bellissima questa cosa: non riesco a trovare nella mia vita qualcosa che sia entrata in maniera così profonda nel mio cuore e in così poco tempo, così come stento a ricordare qualcosa per la quale ho ricevuto un analogo sostegno.

Quando dissi al responsabile del gruppo che ero pronto a ricevere il Gohonzon, entrai nel panico più totale. Non so cosa mi spaventasse di più, la consegna in sé o la cerimonia di apertura a casa mia. Per l’apertura del Gohonzon potete invitare chi volete oltre ai responsabili che saranno peraltro coloro che si occuperanno dell’apertura della pergamena e del suo posizionamento dentro il Butsudan.

Io, che ho sempre avuto il terrore di avere gente in casa (sono stato sempre “Ospitofobico”) dovevo sistemare, pulire e comprare qualcosa per festeggiare questo evento. Nella settimana che ha preceduto la consegna, ero completamente in tilt. Ero un concentrato di emozione, paura, felicità, nervosismo e chi più ne ha più ne metta. Chiedevo continuamente consigli ad amici ed amiche che non fanno parte del gruppo, avevo bisogno di pareri “extra-gruppo” e devo dire che sono stato ottimamente consigliato (vivendo da solo se ti dimentichi qualcosa, non c’è una spalla accanto a te che può rimediare).

Tramite un sito ordinai il butsudan, e stressai le povere centraliniste perché temevo che non arrivasse in tempo. Poi, finalmente, arriva il fatidico 18 dicembre: ci siamo ! Mi sentivo come quando feci l’esame di maturità. Ma qui entra in gioco l’organizzazione della Soka Gakkai e le persone del mio gruppo; anche se sei nervosissimo, ti rendi conto che hai persone accanto che ti sostengono, che sono lì solo per te ! Addirittura c’è una persona che si prende la briga di farti da autista, così non hai nemmeno il pensiero di guidare (e menomale, altrimenti, conoscendomi, sarei arrivato la sera prima !).

Questo essere accompagnato dall’amico-responsabile Mario, mi aiuta tantissimo perché durante il tragitto si parla del più e del meno, stemperi la tensione, riesci a compiere la grande impresa di pensare ad altro.

Quella domenica purtroppo fu alquanto nebbiosa. Arriviamo in zona Villafranca Veronese, anzi esattamente a Dossobuono. La cerimonia di consegna, che avviene una volta al mese, in mancanza di una sede, avviene presso le sale conferenza di vari Hotel.

Arrivando in zona, ovviamente la mia salivazione scende al di sotto dello zero. Tuttavia, incredibilmente, parallelamente al nervosismo, c’è grande emozione e felicità, soprattutto perché pensi: sta succedendo davvero a me ?

Arrivati nei pressi dell’Hotel, noto, all’interno delle rotonde, in mezzo alla nebbia diventata sempre più fitta, delle persone che fanno ampi gesti per indicarci la direzione dell’hotel. Mario mi spiega che queste persone fungono da “protezione”, ovvero fanno in modo che tutto si svolga in maniera regolare e perfetta. Provo tanta pena nel vedere questi bravi ragazzi con cappellino di lana e sciarponi che lasciano scoperti solo gli occhi e la bocca, ma tutti ci salutano sorridendoci !! E’ una festa prima che inizi la grande festa !

Inizio a calmarmi, non so quanto durerà questo bellissimo status, ma capire che c’è tutta un’organizzazione dietro a ciò che sto facendo, mi rende ancora più orgoglioso e convinto. Entro nell’hotel, non prima di aver fatto la mia classica figura di merda: non riuscivo a scendere dalla macchina ! Come mai ? per il semplice motivo che avevo dimenticato di slacciare la cintura. Ovviamente con Mario ci ridiamo un sacco e l’abbiamo fatto diventare un aneddoto da raccontare.

Entro in hotel e ci sono altre persone, donne elegantissime che indossano un foulard giallo, le quali ci indicano una scrivania dove ci si registra. A quel punto si entra in sala e una (mitica) signora del mio gruppo mi accompagna verso le prime file. Leggo il mio nome e cognome e mi accomodo. Noto i ragazzi della divisione giovani che sono anch’essi lì per assistere tutti noi. Se hai bisogno di qualcosa loro sono a disposizione.

Un giovane alquanto giovane mi sistema il “porta-Gohonzon”, ovvero un oggetto che porti al collo. Ci sono diverse persone del mio gruppo, questa cosa mi rende felice perché so che loro sono lì soltanto per me (ero l’unico del mio gruppo a ricevere il Gohonzon) ma mi rende felice soprattutto il fatto che io sia considerato “Il grande scettico che ha fatto una grande trasformazione che l’ha portato ad essere qui oggi  !”.

Finalmente inizia la cerimonia. La sala è stracolma di gente. Mi fa sorridere vedere le persone accanto a me e quelle della prima fila, ovvero tutti coloro che stiamo per compiere questo passo fondamentale, tutte molto tese.

Siamo vestiti in maniera diversa, chi più elegante, chi meno, ma una cosa ci accomuna: abbiamo tutti la faccia tirata. Fortissima questa cosa ! Tutta la sala è piena di gente felice e sorridente, noi abbiamo un viso corrucciato. Non dobbiamo fare o dire assolutamente nulla, sappiamo benissimo cosa riceveremo, ma siamo tutti emozionati, proprio perché siamo ben consapevoli del significato enorme di questo passo e della svolta che stiamo dando alla nostra vita.

Prima che inizi la cerimonia, ognuno di noi viene “disturbato” simpaticamente da qualche elemento dei rispettivi gruppi, tuttavia mentre i nostri compagni di fede sono sorridenti e scherzosi, noi abbiamo la testa solo alla cerimonia. Perfino un chiacchierone patentato come me non riesce più a parlare !

Inizia la cerimonia, ovviamente si fa Gonkyo (la recitazione di due capitoli del Sutra del Loto. Una cosa che facciamo tutti due volte al giorno, mattina e sera) e poi arriva il momento clou: ci chiamano sul palco uno ad uno per la consegna del Gohonzon !

Non sono fra i primi e ciò mi innervosisce ancora di più. Eccoci, finalmente il mio nome è pronunciato dal responsabile regionale. Mi avvicino al palco sentendo il boato del mio gruppo (ogni gruppo faceva così: applausi e boato, una cosa meravigliosa).

I visi tesi restano tiratissimi, ci scattano qualche foto ed io sono uno dei pochi ad avere un sorriso grande quanto la mia panza. Qualcuno, secondo me, deve ancora capire cosa sta accadendo. In sala c’è un tifo da stadio, tanti applausi, un’atmosfera bellissima, niente tristezza dovuta a ridicole e severe formalità.

Qualche giovane ragazza piange dall’emozione, ma mi colpisce soprattutto la commozione di una ragazza della divisione giovani non appena il responsabile ringrazia tutti e, giustamente, sottolinea l’importantissimo contributo che loro hanno dato.

E’ tutto finito ? Le emozioni sono finite ? Macchè ! Non potevo mai immaginare che, uscendo dalla sala, mi attendono due file di persone che mi fanno passare in mezzo e mi regalano l’ennesimo applauso, tutto per me. A quel punto credo che diventai fra il paonazzo e il violaceo.

Arrivo a casa, corro a Castelnuovo in una pasticceria sicula perché voglio che si festeggi l’apertura con i cannoli. Perché nella vita bisogna sempre andare avanti ma non dobbiamo dimenticare le nostre origini. Il Vincenzo è diventato buddista a Verona ma resta pur sempre un palermitano ! Alle 15 arrivano le persone del mio gruppo. Anche il terrore dell’Ospitofobia è andato a quel paese: la festa è tutta mia e non ho voluto assolutamente “limitarmi”, ovvero ho invitato tutte le persone con cui sono entrato più in sintonia in questi tre mesi. Potevamo essere in due, ci siamo ritrovati in dieci ! Che soddisfazione !

Recitiamo davanti al mio Gohonzon, ovviamente io mi aiuto con il librettino, mentre loro conoscono le parole a memoria. Finiamo la recita e mi consegnano dei bellissimi regali. Facciamo una sorta di mini meeting, in altre parole mi chiedono quali sono le mie emozioni e le mie sensazioni. Parlano ovviamente anche loro. Una persona che mi piace tantissimo (badate bene, non dal punto di vista sentimentale !) mi dice che non è vero che il gruppo ha dato tanto a Vincenzo ma che anche Vincenzo sta dando tanto al gruppo, cioè con le mie parole e i miei interventi nei meeting (detti “Zadankai”) ho fatto riflettere anche coloro che praticano da vent’anni. Un’altra persona mi fa ricordare quanto ero scettico la prima sera che incontrai tutti loro (sono uno delle poche persone che ha fatto tutto da solo, ho telefonato alla sede nazionale della SGI dopo aver chiesto lumi ad una mia carissima amica di Prato e poi sono stato contattato, ma nessuno mi ha portato dentro questo gruppo, ci sono entrato da solo !). La cosa che mi fa più piacere è che qualcuno nota che Vincenzo è cambiato (in meglio) negli ultimi mesi. Questa è una cosa che mi riempie di gioia perché evidentemente ciò che sento dentro di me, appare anche all’esterno.

Si va avanti a parlare del più e del meno, fra cannoli e babà. Ad un certo punto si giunge ai saluti, vanno via, io sistemo casa e vado a farmi una mega doccia. Prima di andare a letto guardo il butsudan con all’interno il Gohonzon e penso “ce l’ho fatta !”. Dopo una vita vissuta dicendo quasi sempre No, a non avere stimoli e punti di riferimento, a sperare di trovare risposte entrando nelle Chiese, finalmente ho dato a me stesso una grande prova di coraggio.

Sinceramente, come dico spesso, non so cosa mi riserverà il futuro. Può anche darsi che questa “luna di miele” finirà, può darsi che mi stancherò di essere buddista e che un giorno riconsegnerò il Gohonzon alla Soka Gakkai, ma per adesso sapete che vi dico ? Sono contento e me la godo tutta ! Per anni sono tornato su, dopo le vacanze natalizie, con le palle a terra, ho vissuto nello sconforto (dovuto ad una serie di motivi) per tanto, troppo tempo. E pensate che adesso debba pormi il problema del se e quando finirà questo idillio ? Dovrei farmi influenzare dai tanti pareri negativi che circolano sul web sulla Soka e su questo tipo di buddismo ? Ma chissenefrega ? La gente che parla di setta e di “falso buddismo” è la stessa gente che non muove un dito per gli altri, che vive nell’egoismo più assoluto.

Non mi interessa, quindi, cosa accadrà domani ! Dico semplicemente che, da quando sono buddista, vado a letto con la consapevolezza che la mia vita ha un senso. Durerà, non durerà, è giusto, sbagliato, “u Signuruzzu” non andava tradito, San Vincenzo è incazzato ? sono tutte pseudo problematiche che per me, oggi, valgono quanto una cacatella di mosca.

Per troppi anni ho dato agli altri la facoltà di incidere sulla mia vita e devo dire, ahimè, che pochi l’hanno fatto in senso positivo. Adesso il protagonista sono io.

E se il Mobys, di Mondainiana memoria (“nessuno mi vuol bene, nessuno mi capisce”), quindi non più pessimista ed eterno lamentoso, non piacerà più a qualcuno, mi dispiace, dimenticatemi, è stato comunque un piacere conoscervi ! Io vado avanti.

p.s. scusate gli errori.

ALTRI MIEI ARTICOLI SCRITTI IN CHIAVE BUDDISTA:

LA RIVOLUZIONE DEL CONIGLIO: La magnifica storia di un buddista “normale” !

Come festeggia la Pasqua un buddista ? Mangiando la cassata ! 🙂

Uomini Soli.

14 thoughts on “Quel Gohonzon che ti cambia la vita.

  1. vincenzomobys 15 dicembre 2017 / 10:50

    Siete in tantissimi (non me lo sarei mai aspettato) a leggere questo mio semplice post. È segno che tanta gente prende il Gohonzon. Per quanto mi riguarda è passato un anno esatto (anche la mia cerimonia fu la domenica prima di Natale). In questi dodici mesi sono accadute tante cose, le persone mi hanno deluso ma il mio Gohonzon spesso mi ha dato la forza di uscire fuori dal tunnel. Non oso immaginare come sarebbe stata la mia vita senza questo oggetto. Tanti auguri Carlotta. Ricorda che è un nuovo inizio non un traguardo. L’emozione sarà tanta Perché a differenza di riti cattolici che un po’ tutti abbiamo vissuto (prima comunione, cresima, matrimonio), in questo caso sei TU la grande protagonista, diranno il tuo nome e tutti si prenderanno cura di te coccolandoti. Bello. Se avrai bisogno di parlare, io ci sarò sempre, per te e per chiunque. Ciao !!

    Mi piace

  2. Carlotta 15 dicembre 2017 / 10:37

    Ciao Vincenzo io riceverò il gohonzon questa domenica 17 dicembre sono emozionata e molto felice, aspetto con gioia intrepida domenica per godermi quel momento che racchiude la magia della vita ❤️ Poi ti racconterò a presto

    Liked by 1 persona

  3. socialmentescorretta 30 settembre 2017 / 17:01

    mi sono emozionata!Anche io quel giorno ero agitatissima,pioveva tantissimo,ma appena presi Gohonzhon,appena consegnato nelle mie mani,usci’ un sole da paura!Che fantastico momento!

    Liked by 1 persona

  4. vincenzomobys 19 febbraio 2017 / 15:31

    Grazie di cuore Milah. Si ovviamente mi sto già impegnando per “salvare” i troppi Mobys che vanno in giro disperati perché senza un punto di riferimento (che peraltro è più vicino di quanto immaginano). Purtroppo però molte persone adorano sguazzare nel mare della tristezza, della negatività e della lamentosita’.

    Liked by 1 persona

  5. Milah 19 febbraio 2017 / 14:37

    un altro buddista che bellezza !!!! adesso tanto studio, tanta pratica e tanto tanto shakubuku.

    Liked by 1 persona

  6. vincenzomobys 25 gennaio 2017 / 22:33

    Grazie cara ! Essere letto anche da te mi rende moltissimo orgogliosissimo 🙂

    Mi piace

  7. Clara 25 gennaio 2017 / 22:16

    Immensamente felice di aver condiviso con te l’inizio di questo grande viaggio e felice di poter condividere gli alti e bassi di questo viaggio interiore,ti abbraccio.
    P.s.scrivi proprio bene Vincé!

    Liked by 1 persona

  8. vincenzomobys 23 gennaio 2017 / 06:52

    Grazie carissima bellissima Maria. Spero solo che il percorso non sia già giunto al termine … vedremo.

    Mi piace

  9. Maria 23 gennaio 2017 / 04:24

    Bellissimo racconto di un’esperienza che ti segnerà per la vita.
    Stai facendo un percorso importante, il buddismo come filosofia di vita mi ha sempre affascinata, sei riuscito a comunicare con le tue parole il pathos di quel momento l, ad estrapolare e a condividere tramite parole l’intensità e l’energia della giornata per te speciale.
    Cambiare da adulti richiede un forte lavoro interiore, non è da tutti, puoi solo ritenerti fiero di te.

    Liked by 1 persona

  10. vincenzomobys 22 gennaio 2017 / 21:58

    Grazie a voi quattro-cinque che avete la pazienza di leggermi !! 😀😀😍

    Mi piace

  11. CarlaNonnaPapera 19 gennaio 2017 / 22:31

    Ti ringrazio molto per la “telecronaca” di quella famosa giornata: ricordo che sono stata tutto il tempo in attesa di sapere se avresti avuto il tempo di cenare con noi (ovviamente eri troppo stravolto, ora lo capisco) ma soprattutto, secondo me, eri molto “preso” da un’altra novità che non avevi mai affrontato: riordinare casa!!
    Anche se sono ancora “estranea” a questo mondo Buddista, mi affascina molto, come mi ha affascinato il potere che ha di influenzarti facendoti girare la testa verso l’ottimismo. Erano anni ed anni che cercavo di farti entrare in testa che essere orsi non porta a nulla di buono….e questi qua dopo pochi mesi hanno fatto meglio di me!
    Non voglio gridare al miracolo, dico solo che non può essere che positivo anche se sicuramente molti snobbano questi gruppi, come dici tu appunto, chiamandoli Sette o altro.
    Ma il bello è che tu non ti senti arrivato, anzi parli sempre di una cosa che hai appena iniziato, questo fa capire bene quanto tu abbia rivisto (non cambiato eh…) la percezione delle cose.
    Secondo me sei sulla buonissima strada….e sei solo ai primi chilometri del tuo giro del mondo.
    Qualcuno disse “è inutile essere ottimisti se non si è anche attivi nello stesso tempo”…. e sembra proprio una frase su misura per il tuo stato attuale.
    Grazie per aver condiviso quel momento con tutti noi, anche se per ora non ci abbiamo capito molto di tutti quei particolari…:-))

    Liked by 2 people

  12. Silvano Bottaro (novalis) 15 gennaio 2017 / 22:48

    Grande Vincenzo!
    Sono estremamente felice per te e grazie per la menzione del mio blog.
    Restiamo in linea…

    Mi piace

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...