Nuove “Reactions” su Facebook : quando un clic è comunque meglio del silenzio…

Mark Suchenberg mi scrisse una email verso fine novembre. Lo ricordo ancora oggi perché in quel periodo “festeggio” (ancora non ho capito se autoironicamente o con cognizione di causa) il mio approdo in terra veneta, avvenuto il 20 novembre del 2001.

Marco mi chiese cosa ne pensavo di una nuova idea venuta in mente ad un suo collaboratore, ovvero quella di inserire dei nuovi “pulsanti” da integrare al famoso “mi piace”. Risposi che una delle caratteristiche che hanno reso Facebook così importante, ricco e famoso, è proprio la sua capacità di rinnovarsi. La rete divora le novità, basta poco per far confluire la massa su una nuova piattaforma; il difficile sta nel mantenere vivo l’interesse, altrimenti la stessa massa, in quanto altamente volubile e legata al nulla (ovvero in assenza di un punto di riferimento, un’ideale, un qualsiasi appiglio), scappa via.

Facebook ha avuto, quindi, a differenza di tanti altri social network o similari, il pregio di rinnovarsi continuamente e, ormai, nei giorni nostri, non avere un account equivale a non possedere un cellulare. Possiamo anche farne a meno ma è più facile possederlo. Idem con faccialibro. Io l’ho mandato affanculo ripetutamente, ho anche disattivato l’account per un certo periodo,  ma è meglio esserci e sfruttare quei (pochi / molti, dipende da ognuno di noi) aspetti positivi che obiettivamente ci offre, piuttosto che restarne fuori del tutto. Insomma io critico sia coloro che postano ripetutamente, rovinandosi spesso certe chicche e non accorgendosi quindi di cosa si stanno perdendo in quel momento, sia coloro che orgogliosamente dichiarano “io non ci sono”, perché, ripeto, comunicare è comunque una  cosa importante. Anche io vorrei tornare nell’epoca dei nostri genitori, quando le donne si conquistavano mentre si ballava al suono delle fisarmoniche, ma bisogna rendersi conto che viviamo in questo periodo storico, in un periodo dove, ripeto, è più facile entrare su Facebook e sfruttarlo, magari pochissimo, piuttosto che non esserci.

Misi in guardia Mark: lascia perdere il tasto “non mi piace”. Ogni giorno basta accendere la tv per guardare quante battaglie inutili e quanto odio siamo pronti a mettere in campo spesso per mere cazzate. Il “non mi piace” creerebbe solo odio in un mondo già triste di suo. Per fortuna mi ha ascoltato.

In questi giorni sono in funzione dunque i nuovi tasti denominati “Reactions”: un cuore (love), una faccina sghignazzante (ahah), una faccina stupita (wow), una faccina triste con la lacrima (sigh) e una faccina rossa paonazza e arrabbiata (angry).

All’inizio non ero molto entusiasta di questa novità e se mi avesse chiamato davvero il creatore di Facebook, avrei mostrato i miei dubbi. Il motivo è semplice: tendiamo, ancor di più, a sostituire le parole con delle icone e ciò non mi piace granché ! Ve lo dice uno che già soffre di suo per un blog poco seguito. Si fa presto a cliccare su “wow”, ma sei sicuro che non hai nulla da dire ? Non hai alcun commento da fare ? Te la cavi con una minchia di faccina ? Arriveremo al punto in cui quel poco di relazioni sociali che esistono nella realtà, saranno sostituite con dei gesti. Chiami un cameriere e se indichi uno ti porta una pizza capricciosa, se indichi due ti porta una birra media, se indichi il dito medio vuol dire che il conto è salato…

Dopo qualche ora di “perplessità incazzosa”, tipicamente Mobyssiana, devo dire che ho cambiato idea. Non mi interessano i nuovi tasti, io, almeno per adesso, continuerò ad essere un utente vecchio stampo, userò esclusivamente il tasto “mi piace”. Tuttavia, in effetti, non è male l’idea di fornire altre opzioni agli utenti. Sapete cosa  vi dico ? E’ meglio di niente. Preferisco una persona che ha cliccato sul “wow”, piuttosto che l’ennesima persona che mi richiede l’amicizia per poi non scrivere mai nulla. Preferisco una cazzo di faccina triste piuttosto che non ricevere nemmeno gli auguri di buon compleanno.

Discorso completamente a parte invece per le Aziende. In questo caso, qualche tonnellata di faccine incazzate potrebbe risultare qualcosa parecchio negativa.

Come dicono coloro che, a differenza mia, scrivono bene e hanno un certo seguito: “siamo tutti connessi”. E allora ben venga un mezzo che ci consenta di comunicare, sia che si chiami Facebook, sia che sia whatsapp, sia che siano semplici sms. Tutto ciò BEN CONSAPEVOLI che la vita VERA è tutta un’altra cosa, che ore di dialogo notturne dentro una macchina con un tuo amico non sono assolutamente sostituibili !

Il contatto umano è quindi unico ed insostituibile, ma, ripeto, spesso un sms di venti caratteri, possono cambiarti la giornata. Io ci ho fatto caso per il compleanno, che è sempre una giornata speciale, è una festa tutta tua. Un messaggio di una persona molto nota mi ha riempito il cuore di gioia, mentre il “non messaggio” di qualche altra persona, ha probabilmente chiuso la strada ad un qualcosa che poteva nascere.

Non siamo tutti uguali, per fortuna. Così come al lavoro ci sono persone che rendi felici con trenta denari e persone (come me) che vorrebbero essere gratificate diversamente, nella vita di ogni giorno c’è chi pretende femmine e champagne e c’è chi (come me), si accontenta di una faccina ….

Pazienza cucì, è andata così ….

7 thoughts on “Nuove “Reactions” su Facebook : quando un clic è comunque meglio del silenzio…

  1. vincenzomobys 1 marzo 2016 / 20:38

    Grazie Tizy. Quando leggo il tuo nome (o guardo le tue foto, i tuoi post, ecc.) penso che se non ci fossero stati proprio questi vituperati social network, io non ti avrei mai conosciuto ! 😀😀

    Mi piace

  2. Debbie Doodle 1 marzo 2016 / 20:30

    Ma grazie! Addirittura un onore? Naaah! Sono una lettrice compulsiva qualunque 😛 Il fatto è che ti si legge con estremo piacere!! Per quanto riguarda il “Mi piace” vabbè…per stasera mi accontento, tranquillo! :’) Buona serata!!

    Liked by 1 persona

  3. vincenzomobys 1 marzo 2016 / 20:25

    Grazie Gise. Sono davvero contento che, malgrado tutto, tu sprechi qualche minuto del tuo tempo per leggere le mie “quattro cazzade”. 😀😀😀. Ciao

    Mi piace

  4. vincenzomobys 1 marzo 2016 / 20:22

    Meriteresti un “mi piace” al cubo, ma accontentati ! 😀😀. Benvenuta sul Pianeta. È un onore essere letto da te. Ciao !

    Liked by 1 persona

  5. Debbie Doodle 1 marzo 2016 / 20:19

    Volevo fare una faccina, ma a volte ci basta scambiare due parole per capire quello che vogliamo trasmettere. In gran parte hai ragione, una faccina è meglio di niente, l’importante, dico io, è che abbia un valore. Io sono una di quelle della schiera dei delusi di FB che lo odiano perchè uccide la comunicazione ma che poi non ha il coraggio di cancellarsi per la paura di sentirsi tagliata fuori. Incoerenza v.3.0! Però quando lo uso, oggi molto – ma molto – meno del passato, anche una faccina PER ME (e tristemente a volte solo per me) ha un valore. Tant’è che poi nessuno risponde, tutto tace, alla gente che riceve interessa soltanto la famosa “visibilità” (l’unica motivazione che mi spinge costantemente a scrivere uno stato su FB per poi cancellarlo ancora prima di pubblicarlo, pensando “Ma a chi m****a importa di come sto su FB? Fammi telefonare a qualcuno, va…”). Insomma, bisogna adeguarsi, ma mai passivamente. Credo che il senso sia questo. La vita vera non è mettere muri, ma lasciare porte socchiuse, prendendo il meglio di ciò che ci viene dato. Ecco, questo è quello che penso. Molto meglio di una faccina, anche se più “impegnativo”. Buona serata 😉

    Liked by 1 persona

  6. Gisella Sitta 29 febbraio 2016 / 15:27

    Faccio parte di quelle persone che il buon Mobys non ama tenere fra le amicizie di facebook, ritenendole inutili.
    E su facebook inutile lo sono. Non mi va di cliccare “mi piace” a caso e di mandare messaggi di circostanza, nemmeno per gli auguri. I miei pochissimi “mi piace” sono veri “mi piace” e agli auguri virtuali preferisco un caffè reale. Preferisco aspettare l’occasione… e magari qualche volta lanciare un sassolino per organizzare un incontro vero.
    E spesso questo sassolino non colto mi riporta alla realtà perchè l’occasione per un incontro non si trova mai, ma si ritiene importante avere un pollice “in su” su facebook. Mah!!! Sono sempre più perplessa. Evviva le Reactions!
    Comunque, anche se non sempre sono pronta al clic veloce, seguo le persone a me care ed essere inclusa fra le lore amicizie sul social mi da come la sensazione (o l’illusione) che, seppur sottile, un filo ci tenga in qualche modo in contatto. Mi piace guardare le foto da loro pubblicate… e spesso sorrido ricordando qualcosa che un tempo ci ha legati. Quindi anche se non ho niente da dire (o da scrivere perchè forse da dire ne avrei) non vuol dire che quello che passa nella loro bacheca mi sia indifferente. Ovviamente rispetto il pensiero di chi pensa invece che visto che ti trovi nell’elenco degli amici hai quasi l’obbligo di lasciare un segno.. giusto per ricordare (a te stesso, agli altri e all’interessato) che ci sei. Pena per chi passa e non commenta è l’esclusione. Sorrido. Son troppo grande (o vecchia) per piangere. Ad ogni uno il proprio pensiero. Non c’è un giusto o uno sbagliato. Solo pensieri e modi di essere diversi. Evviva le Reactions!
    Concludo dicendo che questo è l’unico blog che leggo… l’unico, per ora, che mi piace. Spesso ne ricavo spunti di riflessione che mi regalano quel qualcosa in più e per questo un grazie te lo devo.
    Continua a scrivere mi raccomando.

    Liked by 1 persona

  7. stefitiz60 28 febbraio 2016 / 09:12

    Per ora non le uso neanche io, ma comunque sono un’opportunità in più di esternare. Purtroppo la nostra vita sarà sempre più basata sulle emoticons che sul dialogo, ci siamo impigriti mentalmente. Anche io ogni tanto ho voglia di levarmi da Fb, ma poi alla fine non se ne fa niente. Permettimi poi di sollevare un’obiezione sul tuo blog. non guardare al seguito o meno che hai, ma prendilo come un pagina del tuo diario di vita, un luogo in cui sfogarti e parlare delle tue emozioni o sentimenti. Ho visto che tutti i vari social, sia Fb che IG, per esempio, seguono regole non scritte di like, non sempre la foto migliore viene segnalata su Ig e non sempre il post più interessante su Fb viene seguito o discusso. E’ tutto un dare e avere anche qui. Se sei una bella figa puoi scrivere quello che vuoi o pubblicare qualsiasi foto e avrai 10000 like e commenti. Tu hai creato un blog che si eleva al di sopra di tutto ciò e chi ti legge, come me, lo fa volentieri e incuriosito. Il mio blog per esempio, che penso di chiudere, ha un po’ di seguito ma è solo un’accozzaglia di copia incolla link o video, non è niente di personale e mi sta intristendo assai. Continua così

    Liked by 1 persona

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...