Buon Natale a tutti gli scarsi d’Italia…

Si, anche per me, il decreto salva-Italia del neo presidente del consiglio, Mario Monti, è stata una delusione. Ci pensavo sino a poc’anzi, dopo che passai le mie solite dieci ore festive dentro ad un centro commerciale veronese.

Tante le cose che si potrebbero fare e che non sono state fatte. In verità, speravo di essere chiamato come ministro o, quantomeno, come sottosegretario; ho fissato per ore ed ore il mio cellulare nella speranza che squillasse, che mi apparisse il nome “Mario Monti” nel display del mio bello Iphone, invece niente. Ma non dispero, prima o poi capiranno che il sottoscritto Vincenzo Mobys può salvare l’Italia, ovvero che anche io sono, fondamentalmente, un professore.

In un giornale c’era addirittura scritto che la mia non-chiamata è derivata dalla presenza nel governo di un ministro che si chiama Passera e si sa che il Mobys è stato sempre alquanto sfigato da questo punto di vista.

Quante cose si potrebbero cambiare ! Per farlo basterebbe poco, mica bisogna andare per forza a Palazzo Chigi !

Per esempio, stasera, uscendo dal Galassia di San Giovanni Lupatoto, mi resi conto che la differenza di temperatura tra l’interno e l’esterno, superava i 20 gradi. Dentro abbiamo un clima africano, fuori quello invernale. Perchè ? se in estate mettete una temperatura gradevole (al punto che gli anziani vengono addirittura invitati ad andare nei centri commerciali all’uopo di trovare refrigerio), perché in inverno non tenere una temperatura sui 20 gradi (e non vicina all’ebollizione), specialmente tenendo presente il famigerato “effetto stalla”, tanto caro al mio amico Davidin ? (dicasi effetto stalla: quando centomila persone entrano dentro dieci metri quadrati, che se uno fa una scorreggia, tutti cadono all’indietro tipo famoso autobus di Fantozzi).

Flavio Tosi, sindaco di verona, ha detto una cosa giusta: bisogna regolarizzare il mercato della prostituzione. Nelle settimane scorse è stato chiuso un residence a Verona dove c’erano rumene che riuscivano a racimolare sui 60 mila euro nell’arco di sei mesi. E in tempi di crisi, perché lo stato non deve guadagnare l’iva sulle puttane ? io mi chiedo: ma sarà il 22% o rientrerà nella fascia agevolata dei beni di prima necessità e quindi si pagherà il 10/12 % ?

Insomma, il dubbio che non mi fa dormire la notte è: la figa è come il latte ? considerando come se la tirano molte donne, direi che è assimilabile ad un bene di lusso, quindi qualche imprenditore dovrebbe dichiarare: ville, ferrari e puttane. Tutto dentro la dichiarazione dei redditi.

Ma si sa, siamo un paese bigotto, siamo pronti a fare i moralisti ma, fondamentalmente, siamo un pò scarsetti, parlando in generale. Se io dovessi andare via dall’Italia, gli darei, come voto, Quattro. Un pò come il Mobys quando frequentava l’Alessandro Volta di Palemmo.

Siamo scarsi sotto tutti i punti di vista, anzi, direi, dal mio punto di vista. Scarsi perchè consentiamo a qualche bloggher di diventare addirittura una star televisiva (azzo, non sappiamo più dove andare a parare !) e scarsi perché non esiste un social network degno di questo nome: tutti pronti a chiedere, tra il disperato e il lacrimante “ma dove è finito matly ?” (nome a caso di una persona che non scrive un post da 20 ore !!!), senza pensare ai tanti Matly che non scrivono più da un pezzo e senza chiedersi il motivo di ciò (la tendenza a quella cazzo di “miticizzazione” delle persone, nata con FriendFeed, oramai ha preso il sopravvento ovunque, ovviamente eccezion fatta, fortunatamente, per Facebook). Scusatemi, ma è una cosa che ho sempre contestato in questo blog. Sul web ci deve essere comunicazione. Non importa se è seria, scherzosa, polemica, divertente, pubblicitaria, ecc. Invece la nostra diffusa scarsezza ci porta a chiederci “dove è finito Matly ?” !!! Come faremo a dormire senza Matly ? Chissà se Matly avrà fatto la sua cagata quotidiana o se gli cola il nasino nasinuccio a causa del freddo fredduccio.

Scarsi perché nessuno dice che c’è chi ha più colpe di Berlusconi (e lo dice uno di sinistra, come me), ovvero quelle personcine che hanno prolungato l’agonia del governo di Silvio per un altro anno. Scarsi perché si è senza dignità e si applaude alzando le braccia in cielo davanti al faccione dell’ex presidente dopo l’ennesima sua vittoria sul voto di fiducia (ma lo capisci che siete una maggioranza falsa ? che applaudi ? leccaculo…). Scarsi perché festeggiamo la sua caduta come se avessimo vinto lo scudetto (cerchiamo invece di vincerle le elezioni, invece di fare gli indignatos perchè è un bel passatempo che mi fa conoscere qualche frittolina).

Scarsi perché scimmiottiamo la Spagna (Oh My God !): da quando gli spagnoli sono diventati una potenza calcistica e da quando Mou è andato al Real, adesso c’è la tendenza ad utilizzare i termini del paese iberico (vedi “triplete”) . L’altra domenica, mi sono cancellato (dopo circa dieci minuti !) da un gruppo Facebook relativo al mio Avellino perché si parlava della vittoria, ottenuta in rimonta contro il blasonato Lumezzane, e il titolo del post era “Remuntada”. Remuntada de che ? ma vai a cagher !

Scarsi a livello imprenditoriale. Tempo fa si parlava di merito e di una Repubblica basata sul bunga bunga. Ma non c’è bisogno di scomodare il Re di Arcore, basta guardare le aziende dove lavoriamo, a Palermo come a Verona. Andate a spiegare, nel mezzogiorno, che le pensione sarà calcolata sulla base dei contributi versati (ma chi ha contributi versati ?). Per quanto riguarda il nord, finché c’è stato uno sviluppo clamoroso, è andato tutto bene, ma, parallelamente alla crescita del fatturato di ogni azienda, non ha corrisposto la crescita della mentalità imprenditoriale, e questo è uno dei motivi per cui molti hanno chiuso. Praticamente il Signore (o chi per Lui) ha dato da mangiare il caviale ai maiali, col risultato che, ad un certo punto, sti poveri animali hanno perso il lume della ragione e adesso non sanno riconoscere il pane dalla frutta. Ecco, i maiali sono onnivori e mangiano di tutto, così come gli imprenditori assumono personale in base al quoziente “I.L.A.” (Indice Leccaculaggine Assoluta) , gli danno anche i premi e guardano esclusivamente il risultato finale senza vedere CHI ti ha consentito di raggiungere tale risultato.

In base alla mia personalissima (e, fin qua, negativisssima) esperienza, sono portato a pensare che, per il 90 % delle ditte italiane, un leccaculo che fa il suo lavoro in maniera mediocre, è sicuramente meglio di uno bravo, che pretende i suoi diritti e che vuole lavorare in una certa maniera (precisione, raziocinio, metodo, puntualità, serietà, presenza). Oggi , conosco disoccupati che hanno le palle, mentre c’è gente che si fotte dei bei soldini lavorando “alla cazzo di cane” (citazione tanto cara a Karl Marx), solo per il fatto che ci mette prima la lingua e poi la testa. E noi ce la prendiamo con le donne ? “ste troie che rovinano il mondo indossando le loro minigonne ascellari” ! Ma siamo scarsi anche in questo, perchè i veri guai sono altri, anzi, spesso le donne vengono sfruttate ancora di più, sono sottopagate e fanno una vita di merda. E comunque ho conosciuto più leccaculo uomini che donne.

Scarsi perchè ce voluta la QUINTA agenzia incaricata al fine di vendere il mio appartamento, per farmi capire cose che nessuno degli altri quattro mi aveva detto in dodici mesi. Non dico che adesso, finalmente, lo venderò, ma si vede quando uno ne capisce e quando l’altro nemmeno si pone il problema, pur in questo periodo difficilissimo.

Scarsi perchè abbiamo iniziato a giudicare Tiziano Ferro non più per le sue canzoni ma in quanto “frocio”. Siete solo delle merde, Tiziano è un grande ed io lo abbraccerei dieci minuti consecutivi per ringraziarlo delle emozioni che mi regala.  Così come si giudica Nichi Vendola per il suo orientamento sessuale e non per le sue proposte politiche. Che cazzo me ne fotte dei loro gusti sessuali ? Magari ironizzano proprio quelli che danno l’immagine della sacra famiglia che la domenica va in Chiesa a dire le preghierine, ma la sera prima lui è andato a trans…

Scarsi perché io, dopo dieci anni di vita veneta, non raccolgo quanto semino solo perché sono terun. Mi ci gioco le palle.

Scarsi perché siamo riusciti nell’impresa di fare andare il mio amatissimo Michele Santoro ai confini nelle realtà (televisiva). Ognuno può pensarla come vuole, ma qualcuno mi deve spiegare perché sono obbligato a pagare il canone, pur non vedendo più l’UNICO motivo per cui lo pagavo ! L’ho detto in queste pagine e lo ripeto: il canone lo dobbiamo pagare tutti perché tutti abbiamo un tv (io lo farei pagare contestualmente alla nuova Imu), ma bisogna cambiare radicalmente la Rai, altro che Minzolini. Io ho già detto che pago (volentieri) Sky, perché mi offre un servizio che mi piace, decido a chi affidarmi per la telefonia fissa, per quella mobile, per il gas, ecc., ma sono costretto a pagare per qualcosa che NON VORREI, che non mi piace, che è… scarsa. Scarsi perché hanno fatto andar via Santoro, scarsi nelle loro telecronache, scarsi nel Tg, con la Dandini…

Proprio ieri pensavo al mitico “Anno Zero” e alla trasmissione sulle presunte prostitute a casa Berlusconi. Mi ricordo, a proposito, appunto, di scarsezza generale, un’intervista a quella “poverina” di Nadia Macrì. Alla fine dell’intervista, fatta da Ruotolo, in studio c’era chi era quasi commosso, per la serie “certa gente fa la prostituta per mangiare “. Poi mi capitò tra le mani un bel bel pornazzo con la suddetta Macrì protagonista e dissi “alla faccia della poverina. Lo vedi che è quello il suo mestiere ?” moralisti del cazzo !

Buon Natale a tutti gli scarsi d’Italia e, ovviamente, anche a tutti gli altri 🙂