Un problema grosso: la S.A.C. (Sindrome Acquisto Compulsivo).

Il problema, cari amici miei, è grossissimo. Non mi preoccupa il fatto che, secondo il calendario dei Maya Venier, il mondo dovrebbe finire nel 2012 e nemmeno l’eventualità che costruiscano centrali nucleari in Valpolicella (anzi, io vorrei lavorarci per fare l’Omer con le ciambelle !). Il problema è ben più serio e riguarda una data ben precisa: sabato 27 febbraio 2010, quindi tra una settimana esatta.

Per quella data, sono stato allertato dalla Protezione Civile (che è composta da gente che si spacca il culo, mica da puttanieri) perchè, nei loro terminali, risulta che sarò a rischio “bollino nero”, per quanto riguarda i miei, oramai famosissimi, “acquisti folli da shopping selvaggio et isterico”.

Ho chiamato il numero della sala operativa e, una gentile signorina, mi ha spiegato il motivo di questo allarme. Sabato prossimo, ovvero nell’ultimo week end del mese, sussiste un allineamento di una serie di fattori che faranno scattare, nella mia mente malata, la molla fatidica; avrò la “spinta” per acquistare qualcosa che, come sempre, non mi serve a niente e di cui mi pentirò il primo marzo. 

I fattori scatenanti sono: il mio compleanno, che sarà mercoledì prossimo (e non ti fai un regalo per il compleanno ?), Mediaworld che mi ha mandato un sms per avere uno sconto del 10 % (come non approfittarne ?), l’addio dei miei vicini che si trasferiscono e, quindi, della ragazza più solare e simpatica che abbia mai conosciuto da quando vivo a Verona (e bisogna riprendersi, in qualche maniera, no ?) e, infine, il fatto che l’ultimo acquisto “ad minchiam”, ovvero la Playstation 3, risale a novembre dello scorso anno: insomma è da troppi mesi che non sborso trecento euro per una cazzata.

Ovviamente sto scherzando, ormai sono guarito dalla S.A.C. (Sindrome Acquisto Compulsivo), il mio dottore è uno che ne capisce abbastanza e, a forza di spalmarmi una certa pomata (“Vagisil”) sulla fronte, direi che mi sono calmato (bonsai, dvd degli Spandau, piatti arancioni, sono tutte minchiatelle di poco conto).

Il fatto che io stia qui a scrivere, prima di fare il danno, è un segnale positivo, l’ho letto nella rubrica di psicologia presente su Topolino della scorsa settimana.

Facciamo i seri, tra pochi giorni compio 38 anni, orco can ! Allora io vi dirò cosa mi passa per la testa, in termini di potenziali acquisti e voi, se possibile, tra una facebookkiata e una chiattata, mi direte cosa ne pensate, in modo che, alle 8.00 di quel fatidico sabato, io abbia le idee ben chiare.

Ho preparato una short-list. Ogni uomo di un certo spessore prepara una piccola lista di cose. Cose da fare, cose da comprare, cose da sistemare, cose da chiudere, cose da portare in viaggio, ecc. Che poi vorrei dire una piccola cosa, sempre in tema di cose.

Sabato scorso, mi recai al Famila, con la mia bella short list della spesa da fare, debitamente compilata in quel luogo sacrale che è il cesso. Delle quindici cose che volevo comprare, una decina erano assenti dagli scaffali. La mia incazzatura è stata enorme. Se la promozione inizia giovedì, come mai io, sabato mattina, non trovo un cazzo ?

“Chi si è fottuto tutte le sottilette kraft a 1.09 euro ?”, esclamai a gran voce, nel bel mezzo del reparto gastronomia (come sempre non mi cagò nessuno. Ho sentito solo uno che borbottava “sti terun, zio can, anca le sottilette vorrebbero, zio boia. Dirghe che va a torse polenta e renga ahahahah”.

Torniamo a noi. Ci sono tanti bei oggetti succulenti (e ovviamente hi-tech) che vorrei comprare. Partendo dall’oggetto più grosso, penso ad una nuova lavatrice. La mia non è molto avanti, tecnologicamente parlando. Insomma ha due manopole e gira ancora con Windoss ’98. Credo che faccia il suo sporco lavoro, ma mi servirebbe qualcosa che mi consenta di fare una sorta di “mezzo carico”. Andiamo avanti velocemente e “a punti” altrimenti sabato sarete ancora qui a leggermi.

– stampante wi-fi. Ogni volta che devo stampare qualcosa devo andare a prendere la mia Epson e collegarla. Troppa fatica. Una stampante wi fi la metterei anche sotto il bidet e mi basterebbe accenderla e lanciare le stampe.

– macchina fotografica Sony Reflex. Basta macchinette digitali le cui foto hanno la stessa qualità del mio ex cellulare nokia N95, voglio qualcosa di superiore, voglio fare il grande passo, anche perchè ho sempre avuto la passione per la fotografia (quella dei video me l’han fatta passare) e, in primavera, conto di viaggiare molto. Se ne trovano anche a 300 euro. Domani mi farò una cultura, anche perchè potrebbe bastarmi una più manegevole Sony Cybershot W350 (il sogno è l’Hx1, che però costa 430 euro).

– Macchina per il pane. Un tempo l’avevo, poi l’ho venduta perchè il lievito mi scadeva sempre. Visto il mio noto pessimo rapporto con la panificazione locale (panifici che chiudono alle 16 e, comunque, pane che “non mi somiglia per niente” a quello siculo), sto prendendo in considerazione l’idea di ricomprarmi una macchinetta ad oc. A parte avere gli ingredienti sempre in casa, l’unico problema è che, quando la pagnotta esce fuori cadda cadda, la mangio in un baleno, altro che aspettare ora di cena o conservarla per l’indomani.

– deumidificatore. Oggetto quasi indispensabile per chi, come me, stende dentro casa. Aiuta a prevenire la carie e l’umidità.

– sognissimo: Apple MacBook. Costa 900 euro, è sicuramente una spesa fuori portata ed a cui non penso seriamente (vero che non lo pensi seriamente, caro Mobys ? guardami negli occhi !). Il mio attuale portatile, pur essendo recente, non mi soddisfa: l’audio è troppo basso e le ventole fanno più casino di una fabbrica di marmo. A volte non riesco nemmeno a concentrarmi per il rumore continuo quindi, se leggete cazzate, sapete che la colpa non è mia, ma di sto cazzo di ventole che continuano ad andare.

– Lettore Mp3. Io già posseggo l’ipod nano, ma non sono pienamente soddisfatto, non tanto per l’audio, quanto perchè devo sempre ricordarmi di metterlo sotto carica. Spesso mi ritrovo a letto (posto dove, durante il fine settimana, in mancanza di una regolare vita sessuale, mi rilasso ascoltando musica, anche sino alle due di notte), con il lettore scarico (e senza, peraltro, averlo già utilizzato chissà quanto !).

– stereo auto. Il mio attuale stereo è un lettore mp3 a cd e continua a saltare. La musica è sacra, non posso sentire la mia canzone preferita dei Radiohead che ricomincia daccapo perchè ho investito una formica che stava copulando con una mosca. Vorrei uno stereo con l’ingresso per la chiavetta usb.

– Mini Impianto Hi-fi. Per un appassionato come me, è assurdo non avere in casa uno stereo. Al di là del piacere di ascoltare musica senza cuffie (cosa che faccio, come detto, nel letto), fa molto ambient, crea la giusta atmosfera. L’altra sera portai a casa una mia amica che, ad un certo punto, si stava spogliando (non so perchè, forse c’era caldo…). Poi mi fa: “ma tu, i Depeche Mode, li ascolti solo in cuffia ? come fai a sentire Hole to Feed in cuffia ?” e se ne andò. Ebbene, la tizia (che non so nemmeno come cazzo di chiama), aveva ragione.

– lampada Wake-up Light di Philips. Leggo dal sito di MW: “è molto più di una semplice radiosveglia. All’ora prestabilita una lampada integrata inizia a diffondere una luminosità naturale crescente fino a simulare la luce solare diurna. Un risveglio naturale con la luce solare è l’ingrediente giusto per iniziare una giornata nel migliore dei modi. Tutti gli studi scientifici sulla terapia della luce hanno evidenziato un miglioramento dell’umore dei soggetti e un ritorno ai cicli naturali del sonno e della veglia”.

E se lo dicono gli studi scientifici, perchè non ci devo credere ? 🙂  E allora acquisto sia:  in ogni caso, non sarà compulsivo !

5 thoughts on “Un problema grosso: la S.A.C. (Sindrome Acquisto Compulsivo).

  1. Ziomartin 27 febbraio 2010 / 09:41

    Sono in trepida attesa del tuo “colpaccio” 🙂

    Mi piace

  2. vincenzomobys 21 febbraio 2010 / 20:25

    i viaggi saranno i protagonisti indiscussi della mia primavera. Qua si parla del regalo del compleanno. Grazie del consiglio sul macbook. Ieri mi è piaciuto anche l’iMac.

    Mi piace

  3. Simo 21 febbraio 2010 / 18:04

    ue…. caro Dr.Mobys… per gli acquisti compulsivi se vuoi conosco un ottima psicologa…. se invece vuoi un consiglio: spendi e prenditi un bel apple macbook pro… io ho il 15″ ed è una bomba… se vuoi te lo faccio vedere :PPP …per il resto… ti consigliere un bel pò di viaggi anche di weekend.. parti ven sera e torno domenica sera, ci sono voli molto low cost… scappo che ho il volo per roma… ciauuuu

    Mi piace

  4. Ziomartin 20 febbraio 2010 / 18:08

    Caro Mobys, hai elencato una serie di prodotti che ovviamente sono il sogno di ogni avventore di un mediaworld qualsiasi… Ok per la macchina fotografica ti mandai link su face, e per il resto compulsivo o no… la cazzata del macbook la farei pure io! Un ultima cosa… sappi che il 24 esce Heavy Rain per PS3, è un gioco un pò strano ma va provato, spero che tu riesca a scaricare la demo per tempo. Ciao ciao e a presto…
    P.S. Qualunque lettore mp3 necessita di ricarica ad oggi !!
    P.S.S. Certo su Hole to Feed sono d’accordo con la ragazza!

    Mi piace

  5. Elena T. 20 febbraio 2010 / 00:22

    Sembra la letterina a Papà Natale invece che le opzioni autoregalo per il compleanno.. 🙂

    Mi piace

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...