Biografia del Mobys (tra il serio ed il faceto).

Vincenzo, detto “Mobys”, nasce a Palermo, il 24 Febbraio 1972. Le tappe significative della sua vita sono le seguenti: 1979: guardando l’album di figurine “Calciatori”, decide di tifare per l’Avellino, innamorandosi, a prima vista, della maglia biancoverde;

· 1982: a dieci anni inizia ad organizzare tornei di calcio, coinvolgendo gli amici della zona. Si inventa anche il nome della lega organizzatrice: è la F.O.M. Federazione Olimpica Mondiale. Passa interi pomeriggi a giocare a calcio con i …soldatini Atlantis. Il Subbuteo rappresentava il classico gioco tanto sognato e mai posseduto.

· 1985: conosce il suo primo Home Computer: un Commodore 64. Adesso i tornei di calcio vengono disputati tramite videogames (un capolavoro Microprose Soccer) e vengono riempiti interi quaderni. La cosidetta Fom organizza una miriade di campionati virtuali, dalla Serie A al campionato Spagnolo, dal campionato francese al campionato primavera. Coppe europee incluse, naturalmente;

· 1988: il 4 agosto diventa un possessore di una stupenda Vespa Rush, il primo ciclomotore Piaggio ad avere tre marce. Partecipa, sia come “attore” che come aiuto regista, al film “Oltretomba”, uno spaghetti-horror di cui, purtroppo, si sono perse le tracce. Il film venne girato con una delle prime telecamere “amatoriali” uscite sul mercato. L’attrezzatura era così complessa e pesante che le riprese venivano effettuate sopra una stufa che fungeva da carrello. “Oltretomba” offrì qualche spunto interessante al regista Dario Argento.

· 1990: acquista un libro che parla di un nuovo gioco di società basato sul calcio. E’ il Fantacalcio. Il nome FOM viene rispolverato, assumendo ben più rilevanza e prestigio. Con l’aiuto fondamentale del fratello, riesce a creare addirittura due categorie (Serie A e Serie B), con ben sedici partecipanti coinvolti. La F.O.M. è la prima lega meridionale ad organizzare un torneo fantacalcio (a livello ufficiale, naturalmente) e la passione del suo presidente e dei tanti partecipanti è così tanta (basti pensare ai tanti siparietti televisivi prodotti in stile domenica sportiva), da essere citati nell’edizione successiva del libro “Serie A Fantacalcio”, edito da Studio Vit (milano).

· Prende possesso di un Amiga 500 prima e di un Amiga 2000 nei mesi successivi. Il gioco più utilizzato, naturalmente, è ancora una volta il calcio: con kick-Off si trascorrono giornate intere davanti al monitor. La capacità e l’esperienza acquisita è talmente tanta da convincere il Mobys a partecipare al Primo Campionato Nazionale di Kick-Off. Incredibilmente si piazza al terzo posto per quanto concerne la provincia di palermo. Da ricordare la mitica semifinale persa contro un coglione “amico” di Trapani, iscritto proprio da Vincenzo. Una beffa indimenticabile, anche perchè tal Nicola poi vinse il torneo e fece anche una bella figura volando a Milano, dove l’aspettava il torneo nazionale.

· 1991: aderisce al neonato “Movimento per la Rifondazione Comunista” e rappresenta un punto di riferimento per i pochissimi giovani palermitani che, malgrado il crollo del muro di Berlino e la svolta di Occhetto, credono ancora nella falce e martello.

· 1992: al termine del quarto anno di studi presso l’Istituto Tecnico Industriale “A. Volta”, viene bocciato per la seconda volta consecutiva: dopo ben sette anni di scuola superiore, decide di abbandonare gli studi e trova un lavoretto presso un giornale di annunci gratuiti (“Il Trovatutto”). Durante l’estate, viene convinto a tentare l’iscrizione a scuola. La sua richiesta viene valutata dal Consiglio di Istituto e approvata con una maggioranza risicata. A Settembre torna sui banchi di scuola e avendo mal digerito la mancanza di appoggio di molti professori teoricamente “amici”, vive in un clima di quotidiano scontro dialettico che si risolve, ad ottobre, con il trasferimento in un’altra sezione. Proprio nella sezione F, il 7 Ottobre, conosce Francesco C., il quale diventerà il suo migliore amico, posizione che ricopre ancora oggi, a distanza di circa sedici anni.

· 1994: il trasferimento al corso F giova a Mobys che si mette a studiare, tralasciando gli impegni politici e sentimentali che causarono esclusivamente numerose bocciature scolastiche. A Luglio si diploma grazie soprattutto all’ottima preparazione nelle seppur poche materie letterarie e, il 10 agosto, parte per il servizio militare. Prima, però, effettua, con la propria classe, il cosidetto “viaggio di istruzione” a Roma e si innamora della capitale. La partenza per Avellino rappresenta un sogno (solo per una clamorosa coincidenza il CAR si svolge nella città sede della squadra di calcio che ama) e un incubo, visto che la naja comportava l’allontanamento dalla famiglia e un’ulteriore anno di perdita di tempo. Conosce il PC;

· 1995: dopo aver trascorso i dodici mesi del servizio militare tra Avellino, Roma, San Giorgio al Cremano (NA) e Cosenza, viene finalmente congedato e, tornato nella sua Palermo, aderisce al “Movimento dei Nuovi Scapigliati” messo in piedi da due importanti filosofi del quartiere, Giuseppe L. e Giovanni DB. Diventa, quindi, un’intellettuale.

· 1996: inizia a lavorare “seriamente”, presso un’Agenzia di Pratiche automobilistiche, conoscendo la prima busta paga. Scrive il suo primo best-seller: “Se questa è la donna”, una raccolta di cento aforismi che vende 60mila copie. Conosce Giusy, la quale diventerà una delle sue migliori amiche e soprattutto la moglie di Francesco (a marzo il loro fidanzamento).

· 1997: il 19 gennaio si connette, per la prima volta, ad Internet. Il 21 Aprile acquista il suo primo cellulare, ovvero un Nokia 1611, il cui costo è di Lire 570,000 ! La scheda è Tim, anche perché la concorrente “Omnitel” si era appena affacciata sul mercato e non offriva sufficienti garanzie a livello di copertura del territorio. Conosce dal vivo la cantante Giorgia e realizza il primo sito non ufficiale dell’Avellino Calcio (“Forza Avellino Unofficial Web Site”), il quale riscuote un clamoroso ed inaspettato successo in termini di visitatori e di email ricevute.

· 1998: il 26 Settembre prende il suo primo volo e atterra, per la prima volta, in territorio nordico, in occasione del concerto dei Depeche Mode a Casalecchio di Reno (Bo). E’ l’anno in cui conosce la sua prima consolle: la Playstation. Abbandona polemicamente Rifondazione Comunista a seguito della candidatura, al Comune, di un compagno molto legato alla Chiesa;

· 1999: l’8 novembre cambia studio di consulenza, entrando a far parte di una “squadra”, anche se, qualche mese prima (il 19/7), col fratello, iniziano a valutare seriamente l’ipotesi di trasferirsi al nord. Inizia a “chattare” e sceglie, come nickname, “Mobys”, ispirandosi al nome della trasmissione televisiva (Italia Uno) di un giornalista che stima tanto, Michele Santoro.

· 2000: La chat diventa una vera e propria mania. Conosce “Moon_Beam” (Ylenia) di Reggio Calabria e decide di comprarsi un Pc tutto suo, non potendo continuare a fare “a turno” col fratello. Ylenia resterà una grande amica anche se entrambi spariscono dalle chat (lei si trasferisce a Torino, lui a Verona);

· 2001: ad ottobre si dimette e, dopo aver scartato le ipotesi Torino e Bologna, la sera del 19 Novembre prende la nave per Genova. Dopo circa 24 ore, arriverà a Bussolengo (VR), ospite di parenti.

· 2002: a metà gennaio, da disoccupato, prende in affitto una camera ad Arbizzano di Negrar, convive con una mitica ed arzilla ottantenne e dopo aver cercato, invano, un lavoro come impiegato, pur di rimanere a Verona, accetta un’occupazione da Operaio a Calmasino di Bardolino. Dopo aver ottenuto un contratto a tempo indeterminato all’Enoitalia, decide di acquistare casa;

· 2003: “sollecitato” da tanti e mitici amici veronesi, scrive un secondo best seller: “Non tutte le ciambelle vengono col buco”, che vende 200mila copie e viene tradotto in 50 lingue;

· 2004: l’11 Febbraio entra nel suo nuovo appartamento di Sant’Ambrogio, in piena Valpolicella. Abbandona il mondo delle chat-irc;

· 2005: fonda, con l’amico-filosofo Davide, l’associazione “Nessuno tocchi Psyco” e con un altro amico, Dennis, fa parte del Comitato Promotore del referendum a favore dell’estinzione dei “Bimbi Minkia”. I “poteri forti”, però, ostacolano l’ambizioso progetto politico;

· 2006: Inizia a scrivere in qualche forum veronese. Cambia lavoro, passando da uno stabilimento di imbottigliamento vino, ad una Cantina vera e propria, in zona Lago di Garda. Assiste ad un secondo concerto dei Depeche Mode, stavolta al Dath Forum di Assago (MI); senza dubbio il miglior live a cui egli abbia assistito.


COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...